Approvate le linee guida per la protezione della Pesca artigianale

Pesca

Una speranza per il futuro della pesca su piccola scala e sostenibile

Martedì 10 giugno a Roma, è stata una giornata storica per la pesca artigianale. Nella 31a sessione della Commissione FAO per la pesca (COFI 31), i 143 Stati membri del COFI hanno adottato, infatti, il primo strumento internazionale dedicato alla difesa e promozione della pesca su piccola scala. Lo strumento prende la forma di “Linee guida volontarie per la Protezione della pesca su piccola scala sostenibile nel contesto della sicurezza alimentare e riduzione della povertà (VG SSF)”. Il Presidente del Comitato ha dedicato lo strumento a Chandrika Sharma –  segretaria esecutivo dell’International Collective in Support of Fishworkers (ICSF), è scomparsa a bordo di Malaysia Airlines MH370- in riconoscimento del suo instancabile lavoro e contributo allo sviluppo dello strumento.

Sid Ahmed Abeid, Presidente della Federazione nazionale dei pescatori artigianali della Mauritania (FNP) lo ha definito “un giorno storico per la pesca artigianale”. “Abbiamo lottato duramente per questo per molti anni” – ha dichiarato-  “e oggi rappresenta un’importante vittoria storica. Per le organizzazioni che rappresentano la pesca su piccola scala in tutto il mondo, la vittoria ha un sapore dolce-amaro. La perdita di Chandrika Sharma è stato un tragico colpo, ma il suo nome e il contributo continuerà a vivere nel nuovo strumento”.

Per oltre 6 anni una piattaforma di organizzazioni della società civile (OSC) è stata attivamente impegnata con la FAO ei suoi Stati membri a sviluppare questo strumento. Queste organizzazioni comprendono il World Forum of Fisher Peoples (WFFP), il World Forum of Fish Harvesters & Fish Workers (WFF), il Comitato internazionale di pianificazione per la sovranità alimentare (IPC), e l’International Collective in Support of Fishworkers (ICSF). Insieme, le due World Forum rappresentano circa 70 organizzazioni di comunità basato su piccoli pescatori provenienti da America Latina, Nord America, Europa, Africa, Asia e nel Pacifico.

Il nuovo strumento è di portata globale, e si applica alla pesca su piccola scala in tutti i contesti, ma con un focus specifico sulle esigenze delle comunità di pescatori su piccola scala nei paesi in via di sviluppo. “Apparteniamo tutti alla stessa famiglia, e combattiamo per gli stessi diritti”, ha dichiarato Naseegh Jaffer del World Forum of Fisherpeople – ” la pesca artigianale, sia al nord o al sud, sono il segmento più grande e più sostenibile del settore della pesca mondiale, le linee guida si applicano a tutti noi “.

Inoltre, Editrudith Lukanga del World Forum of Fish Harvesters & Fish Workers (WFF) ha spiegato che: “le direttrici sono complete e racchiudono, in un unico strumento, tutti gli aspetti significativi della pesca su piccola scala e le comunità di pescatori in una prospettiva sui diritti umani”. Queste linee guida condurranno alla visibilità, il riconoscimento e la valorizzazione della pesca su piccola scala e le comunità di pescatori nel contesto di eradicazione della fame e della povertà. Gli orientamenti contribuiranno in modo significativo ad affrontare efficacemente numerose sfide e dei vincoli che affrontano comunità di pescatori su piccola scala in tutto il mondo.
Anche se si tratta di una vittoria importante da celebrare, ci sono sfide significative che le organizzazioni della pesca su piccola scala, gli Stati membri e la FAO devono affrontare per garantire la piena attuazione di questo nuovo strumento.

Per maggiori informazioni contattare: Brian O’Riordan, Segretario, Belgio Ufficio, collettiva internazionale a sostegno di addetti del settore. briano@scarlet.be


Approfondimento: Perchè la pesca su piccola scala è importante?


Circa il 90% dei 140 milioni di persone coinvolte a livello globale nel settore della pesca sono pescatori su piccola scala, soprattutto nel Sud del mondo. Questi piccoli pescatori persone costituiscono la metà delle catture totali del mondo per volume e forniscono oltre il 60% dei pesci destinati al consumo umano diretto. Per ogni pescatore nel settore artigianale, almeno altre quattro persone sono impegnate in attività a terra connesse, come la preparazione delle attrezzature, lavorazione del pesce, e la commercializzazione. In totale, più di mezzo miliardo di persone sono stimate dipendere dalla pesca per il proprio sostentamento. Come attività basata sulla famiglia, la pesca contribuisce direttamente alla sicurezza alimentare delle famiglie, dove le donne giocano un ruolo particolarmente importante sia per il collegamento con il mercato e come fornitore di cibo in casa. Uno strumento internazionale potrebbe contribuire a garantire che questo settore è dato la sicurezza e il riconoscimento che merita.

Il World Forum of Fisher Peoples (WFFP) assicura la partecipazione di 36 organizzazioni di pescatori in 24 paesi e territori. In Africa: Benin, Guinea, Kenya, Madagascar, Mali, Mauritania, Senegal, Sud Africa, Uganda e Sierra Leone; in America: Canada, Honduras; in Asia: Bangladesh, India, Malesia, Nepal, Pakistan, Filippine, Sri Lanka, Thailandia, Indonesia; in Europa: Francia, Spagna, Martinica, Guadalupe; nella regione del Pacifico: New Zealand.

Il World Forum of Fish Harvesters & Fish Workers (WFF) assicura la partecipazione di 30 organizzazioni di pescatori in 30 paesi e territori. In Africa: Ghana, Guinea, Mauritania, Uganda, Tanzania, Gambia e Kenya; in Asia: Cina e India; in Europa: Isole Faroe, Francia, Groenlandia, Islanda, Norvegia, Portogallo; in America Latina: Argentina, Brasile, Cile, Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua, Panama, Perù, Venezuela. Nord America: Canada, Messico, Stati Uniti d’America.

l‘International Collective in Support of Fishworkers (ICSF) è un network internazionale di NGOS con la missione di sostenere le comunità di pescatori e le organizzazioni di pescatori, e consentire loro di partecipare ad attività di pesca da una prospettiva di dignità del lavoro, equità, la giustizia di genere, l’autonomia e la sostenibilità.

Il Comitato internazionale di pianificazione sulla sovranità alimentare(IPC) coordina circa 800 organizzazioni che rappresentano più di 300 milioni di produttori di cibo su piccola scala.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Lascia un commento