Home > Diritti Umani > Madagascar: arrestati i membri dell’ associazione Fagnomba per aver “osato” manifestare contro l’espropriazione delle loro terre.

Nella settimana dell’11 marzo 2013, a Tolagnaro, una quindicina di membri dell’Associazione “Fagnomba”, che fa capo alla presidenza di Zafinandro Forquet, sono stati fermati e arrestati. Le loro famiglie ci fanno sapere che, ad oggi, sono ancora incarcerati. Ci si interroga con preoccupazione sulle ragioni dell’arresto. Quali i capi d’accusa a giustificare l’incarcerazione? Ebbene, hanno osato manifestare per l’ottenimento di un giusto indennizzo a fronte dell’espropriazione delle loro terre, destinate all’estrazione dell’Ilménite ad opera della società QMM, Qit Minerals Madagascar , nel Sud-est del Madagascar.

L’ associazione Fagnomba  richiede  una risposta urgente da parte delle autorità regionali e nazionali, perché si mobilitino contro l’arresto arbitrario e la detenzione dei membri dell’associazione, e si attivino per il loro rilascio immediato.

Crocevia si  unisce  all’appello dell’associazione affinché siano  rispettati  i loro diritti civici fondamentali, la loro libertà di esprimersi, di manifestare e  di difendersi .

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per fornire un'esperienza web migliore e per fini statistici.